Mafia III: ritorno agli anni ‘60

Mafia III, realizzato dalla Hangar 13, arriva a qualche anno di distanza dai primi due capitoli della saga, capaci di generare opinioni molto contrastanti: Mafia, primo titolo, viene ancora oggi ricordato per l’originalità delle dinamiche e per l’ottima narrativa, mentre Mafia II ha diviso fan e critici con un approccio più maturo (compresa la scelta di orientarsi verso un open world), ma con elementi più banali inseriti nella trama.

Il terzo capitolo, già ampiamente anticipato e nato dopo varie vicissitudini, cerca, da un lato, di rimanere fortemente legato alla tradizione e, dall’altro, di modificare definitivamente le modalità di gioco, introducendo un Open World Free Roaming.
Ambientata a fine degli anni ’60 nella città fittizia di New Bordeaux (decisamente ispirata a New Orleans), la storia vede il nostro protagonista Lincoln Clay passare dall’essere un pesce piccolo ad un pesce grosso: il ragazzo di colore di origini anche italiane, orfano, reduce medagliato del Vietnam, viene suo malgrado trascinato in una vendetta contro la famiglia Marcano. Il suo obiettivo finale è uccidere il capo famiglia.

mafia_iii_2
Come per il primo capitolo, anche Mafia III è caratterizzato da un’ottima narrativa, per niente scontata, ma presenta anche missioni secondarie decisamente ripetitive: le dinamiche prevedono sempre di recuperare un particolare oggetto o eliminare un nemico o un testimone. Altro problema è la scarsa qualità dell’intelligenza artificiale degli altri personaggi, facili da “raggirare” e spesso caratterizzati da comportamenti poco coerenti.

Dal punto di vista tecnico, Mafia III è comunque un buon gioco, con una grafica molto curata per quanto riguarda città e personaggi, ambienti vasti e vari, un ottimo reparto sonoro ed una buona scansione giorno/notte, completa di variazioni del meteo: manca, forse, un po’ di pulizia dell’immagine, ma rimane un titolo molto piacevole.

In sintesi, Mafia III non è il miglior titolo della saga ed ha sicuramente degli elementi da sistemare, ma rimane un acquisto interessante, soprattutto per gli appassionati del genere!

Author: xbox

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>